PSICHIATRIA DEMOCRATICA – COMUNICATO STAMPA

Psichiatria Democratica sostiene le ragioni che hanno portato alla protesta dell’on. Maria Antonietta Farina Coscioni, deputata radicale e co-presidente dell’Associazione Luca Coscioni per la libertà della ricerca, che dal 20 giugno ha ripreso lo sciopero della fame per “il rispetto dei diritti dei malati a partire da quelli affetti da Sclerosi laterale amiotrofica”.

Leggi il seguito

Con Maria Antonietta Farina Coscioni, per i diritti dei malati di SLA e le loro famiglie. I messaggi di solidarietà e sostegno

Quelli che seguono sono i primi messaggi di solidarietà e di sostegno all’iniziativa nonviolenta e di dialogo intrapresa da Maria Antonietta Farina Coscioni. Chi vuole può lasciare un messaggio nello spazio messo a disposizione dall’associazione Luca Coscioni nel suo sito.

Leggi il seguito

RADICALI: CONSIGLIO GENERALE, OGGI GIORNATA CONCLUSIVA DEI LAVORI

Roma, 22 nov. (Adnkronos) – Si concludono oggi, a Roma nella sede di via di Torre Argentina, i lavori del Consiglio Generale del Partito Radicale Nonviolento Transnazionale Transpartito. I lavori termineranno nel primo pomeriggio. Tra i partecipanti, oltre ai membri del Consiglio Generale, sono presenti Rebya Kadeer, leader mondiale degli uiguri, ‘madre del popolo uiguro’; Enver Can, Presidente del Congresso Nazionale del Turkestan Orientale; Kok Ksor, che vive in esilio negli Stati Uniti, leader dei Montagnards, popolazione cristiana perseguitata dal regime comunista vietnamita; Sam Rainsy, rappresentante dell’opposizione del regime cambogiano; Vo Van Ai, Presidente del Comitato vietnamita per i diritti dell’uomo e portavoce della Chiesa buddista unificata.

Leggi il seguito

Nomenclatore tariffario delle protesi e Lea: Cinque giorni di sciopero della fame a sostegno dell’iniziativa nonviolenta di Maria Antonietta Farina Coscioni.

di Maurizio Bolognetti, Consigliere Associazione Luca Coscioni.

Possiamo accettare di vivere in un paese in cui il nomenclatore tariffario delle protesi non è aggiornato dal 1999? Possiamo accettare di vivere in un paese in cui a chi ha perso l’uso della parola, a causa di gravi patologie come la Sclerosi laterale amiotrofica(Sla), viene negata la possibilità di tornare a parlare grazie all’utilizzo delle nuove tecnologie?

Leggi il seguito