Whistleblowing con SenzaBarcode. Al tempo di Mafia capitale, rotazioni e bavagli alla PA

Globaleaks consente, attraverso il browser TOR, non solo di inviare segnalazioni completamente anonime -è impossibile risalire all’indirizzo IP del segnalante- ma di interagire con il ricevente -la redazione di SenzaBarcode- dando la possibilità di inviare materiale multimadiale (pdf, mp3, jpg etc), oltre alla possibilità di verificare lo stato di avanzamento della segnalazione o finanche cancellarla. A supporto della redazione ci saranno legali che vaglieranno le notizie inviate.
Negli USA, grazie ai whistleblower, sono state recuperate circa l’85% delle somme oggetto di frodi, oltre 55 miliardi di dollari dal 1986. Ogni anno queste segnalazioni permettono di recuperare 6 miliardi di dollari. Se questo sistema fosse stato applicato in Italia quale sarebbe stata la sorte di Mafia Capitale e dei suoi protagonisti o dei tanti scandali legati alla corruzione?

E’ su questo interrogativo che SenzaBarcode ha deciso di dotarsi del sistema Globaleaks.

Presenteranno Whistleblowing SenzaBarcode:

Per Centro Studi Hermes per la Trasparenza e i diritti civili digitali: Emmanuele Somma
Per Radical Digital Frontiers: Diego Sabatinelli
Per Trasparency International: Enrico Gallina
Per la parte Legale di SenzaBarcode: Avvocato Alessandro Gerardi
Dal Capidoglio: Fabrizio Ghera capogruppo Fratelli d’Italia – Alleanza Nazionale
Per la parte sindacale
USI: Serenetta Monti
SULPL: Stefano Giannini
Modera il direttore editoriale di SenzaBarcode Sheyla Bobba
Sono stati invitati tutti i rappresentanti politici di Regione e Comune di ogni schieramento e l’Ambasciatore John Phillips

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: