SLA, CASINI E L’UDC,FARINA COSCIONI: RIVENDICANO MERITI PER CONQUISTE E LOTTE CHE NON HANNO MAI COMBATTUTO

Per anni non si sono mai interessati, né occupati dei problemi e dei drammi dei malati di sla e delle loro famiglie; siamo stati lasciati soli per anni, noi radicali e militanti dell’associazione Luca Coscioni, e da soli in Parlamento e nel Paese abbiamo sollevato la questione del rispetto dei loro diritti e perché siano rimosse le resistenze che hanno finora impedito l’approvazione dei Livelli Essenziali di Assistenza e l’aggiornamento del nomenclatore degli ausili e delle protesi; “loro”, Casini e l’UDC in altro erano impegnati”, presi nella spartizione e nell’occupazione di posti di potere e sottopotere, del tutto indifferenti e disinteressati a quella che è a tutti gli effetti una questione sociale che riguarda migliaia di malati e le loro famiglie, qualche milione di persone. Oggi che l’opposizione radicale e del PD riesce a far approvare nell’ambito della legge di stabilità finanziaria uno stanziamento di cento milioni di euro per i malati di SLA, finalmente un piccolo spiraglio di civiltà e speranza, ecco che Casini e l’UDC, vere e proprie mosche cocchiere, gonfiano il petto e rivendicano a loro merito l’approvazione di questo emendamento. In questi anni ho visto ogni tipo di speculazione e di cinica manovra sulla – letterale – pelle dei malati; non dovrei dunque stupirmi più di nulla. Invece no: sono indignata per questa ennesima strumentalizzazione, per quello che è puramente e semplicemente un volgare tentativo di accattare qualche voto e consenso, profittando del dolore e della disperazione di tante persone che fino a ieri sono state lasciate senza voce, senza identità, senza diritti.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: