SCLEROSI MULTIPLA/CURA ZAMBONI, FARINA COSCIONI (RADICALI-PD)

 

Domani 16 settembre, la Camera dei Deputati dibatterà l’interpellanza urgente a prima firma Maria Antonietta Farina Coscioni e altri) a proposito dei cosiddetti protocolli di sperimentazione della cura CCSVI.

Da ricerche e studi condotti dal professor Paolo Zamboni, chirurgo vascolare dell’Università di Ferrara, risulta che un’alterazione del circolo venoso del sistema nervoso contribuisce alla patogenesi della sclerosi multipla; una condizione che il prof. Zamponi ha appunto chiamato  CCSVI (insufficienza venosa cerebro-spinale cronica); ne sarebbero affetti circa il 95 per cento dei malati di Sclerosi multipla.

Sulla base degli studi e delle ricerche effettuate, l’alterazione del circolo venoso sembra sia suscettibile di correzione attraverso un intervento mini-invasivo di angioplastica dilatativa, da eseguirsi in day hospital. Si tratta di una cura praticata all’estero, e molti pazienti italiani si rivolgono ad altri Paesi: con il rischio di non essere sufficientemente garantiti sul piano della opportunità e sicurezza degli interventi sanitari proposti.

Già numerose regioni italiane hanno approvato protocolli di sperimentazione della cura, e in questo senso sono state approvate mozioni delle regioni Lazio, Marche ed Emilia-Romagna.

Lo stesso ministro della Salute Fazio ha comunicato che «la ricerca in questione, considerata molto promettente, è tuttavia in una fase iniziale”, e che occorre effettuare ulteriori studi.

Si tratta ora di sapere quanti siano e dove si svolgano i “trial” clinici già in corso volti a verificare la presenza di CCSVI, la loro efficacia terapeutica; e quale ne sia il costo.

Ritengo necessario assicurare la adeguata conoscenza su queste ricerche e sperimentazioni. Non sfuggirà, infatti, che potrebbe trattarsi di una concreta speranza per migliaia di malati di SM. Già troppe volte le legittime speranze Dal ministro della Salute ci attendiamo finalmente una risposta chiara ed esauriente.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: