Sanità, sprecopoli, Farina Coscioni: migliaia di carrozzine, costosi materassi, letti ortopedici, antidecubito, e altro materiale mandato al macero…

Secondo il CENSIS, in Italia nel 2010 saranno almeno 2.700.000 gli anziani non autosufficienti; è stato calcolato che sono circa 4.700.000 gli interventi chirurgici effettuati ogni anno; a fronte di questa situazione, apprendo di una “sprecopoli” nel mondo della sanità che non ha alcuna giustificazione: migliaia e migliaia di carrozzine, letti ortopedici, costosi materassi antidecubito, stampelle, e altro prezioso materiale, sono rottamati, mentre potrebbero essere riciclati a beneficio di centinaia di cittadini che ne fanno richiesta e devono attendere settimane e mesi, prima che la loro richiesta sia evasa, spesso quando non ce n’è più bisogno. Apprendo anche che farmaci, alcuni dei quali hanno un costo elevatissimo, fino 800-1000 euro a confezione, sono buttati via, le confezioni neppure aperte.

E’ una situazione intollerabile. Da una parte c’è una sanità che affonda nei debiti, e sfonda i tetti di spesa; dall’altra una sanità “usa-e-getta” che spreca milioni di euro e si permette il lusso di non recuperare prezioso materiale che potrebbe essere facilmente riutilizzato.

Per questo ho presentato un’interrogazione al ministro del lavoro, della salute e delle politiche sociali: chiedo che si attivi per porre fine a questo scandalo; sollecito inoltre un’inchiesta amministrativa per accertare in quali regioni il decreto ministeriale (il cosiddetto Nomenclatore) che prevede la restituzione e il riciclo è disatteso; e che si accertino le responsabilità di questa intollerabile, scandalosa situazione.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: