Messina, lite medici: neonato uscito dal coma

In seguito alla denuncia dei genitori, 24 anni la madre e 34 il papà, è stata aperta un’inchiesta per far luce su ciò che davvero è accaduto in sala parto mentre la donna era in fase di travaglio. L’ospedale nega, mentre i due coniugi sostengono che ci sia stato un diverbio tra i medici. Era stato previsto un parto cesareo, a causa delle dimensioni notevoli del nascituro, ma qualcuno alla fine non sarebbe stato d’accordo ed avrebbe insistito per procedere al parto naturale. La fase di travaglio prolungata avrebbe danneggiato il bambino a cui, al momento della nascita, non sarebbe arrivato per qualche secondo l’ossigeno al cervello. Non è ancora possibile definire quali danni il piccolo abbia subito.

Ieri la deputata radicale Maria Antonietta Farina Coscioni così scriveva nel suo blog: “Episodi come quelli di Messina, e prima ancora, di Policoro, Reggio Emilia, e le decine di altri che si sono verificati in questi mesi non sono maledizioni dovute a un destino ineluttabile e crudeli. Ci sono precise responsabilità che vanno individuate, perseguite e punite”. Il ministro della Salute invita intanto ad evitare allarmismi e ad aspettare gli esiti degli accertamenti.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: