GRAVI INADEMPIENZE ASL SALERNO SU INTERNATI IN OSPEDALE PSICHIATRICO GIUDIZIARIO DI AVERSA

Ho presentato oggi un’interrogazione ai ministri della Salute e della Giustizia chiedendo urgenti interventi relativi a una vicenda scandalosa che si trascina da tempo e che si consuma, letteralmente, sulla pelle di persone colpevoli solo di essere incappati in una macchina burocratica miope che non tiene in alcun conto dei diritti delle persone.

Mi riferisco alle gravi inadempienze dell’ASL di Salerno nei confronti di alcuni internati dell’Ospedale Psichiatrico Giudiziario di Aversa. In particolare segnalo il caso del signor A.B., rinchiuso nell’OPG da due anni in relazione a un reato di lesioni compiuto in stato di incapacità di intendere e volere. In vista del riesame della sua situazione, Michele Capano, componente della direzione di Radicali italiani, nella sua veste di avvocato si è rivolto ai vertici della ASL e ai medici responsabili per sollecitarli a una formulazione di proposte di collocazione sanitaria al magistrato di sorveglianza. IMMOTIVATAMENTE, MA NON MENO COLPEVOLMENTE, ALL’UDIENZA DEL 1 MARZO L’ASL DI SALERNO NON SI E’ NEPPURE PRESENTATA, NE SI E’ RIVOLTA AL MAGISTRATO DI SORVEGLIANZA PER SEGNALARE UNA STRUTTURA UTILE, E QUESTO NONOSTANTE LO STESSO CAPANO AVESSE INDICATO GIA’ DAL 2 GENNAIO UN ENTE DISPONIBILE ALL’ACCOGLIENZA DEL SIGNOR A.B.

La conseguenza di questa grave inadempienza è che il magistrato non potrà a questo punto che disporre la proroga della detenzione nell’OPG, per l’assenza di proposte da parte dell’ASL.

Nella stessa situazione del signor A.B. vi sono almeno una ventina di cittadini, condannati all’ ergastolo bianco” dell’internamento sine die.

Su questa vicenda, Michele Capano ha intrapreso uno sciopero della fame dalla mezzanotte di oggi.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: