Figli nati dall’eterologa e tracciabilità del Dna “Decida il Parlamento”

Il ministro Lorenzin: “Non è solo un fatto medico, discutiamo”

«Conoscenza della modalità del proprio concepimento e, a determinate condizioni, del diritto a conoscere le proprie origini». È il contestato diritto dei figli della provetta a risalire ai propri genitori biologici. Ma potrebbe spaventare i donatori, pronti a fuggire senza lo scudo dell’anonimato. Beatrice Lorenzin lancia all’ultimo punto del decreto sull’eterologa che porterà presto al Consiglio dei ministri. Forse la prossima settimana.

Scarica l’articolo completo.

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: