Fazio, dicci chi ha guadagnato dall’influenza A!

Dopo la prima class action sanitaria italiana intentata l’altro giorno dal Codacons contro la ditta produttrice dell’ “Ego Test Flu” spacciato come utile, facile e sicuro per l’autodiagnosi influenzale la nuova azione formale presentata dalla parlamentare Radicale e co-presidente dell’Associazione Luca Coscioni, Maria Antonietta Farina Coscioni, arriva a confermare il sospetto che il pubblico, passata la paura, voglia ora passare all’attacco chiedendo il conto a chi ha voluto speculare sull’annunciata pandemia da H1N1.

A Fazio, per ora, vengono chieste solo precisazioni.
“La campagna per la vaccinazione di massa contro la pandemia da virus A/H1N1 – afferma la parlamentare in una nota – si sta rivelando un clamoroso flop. I dati disponibili sono, al riguardo, inequivocabili: si annunciava trionfalmente la vaccinazione di almeno 24 milioni di persone; sembra che a tutt’oggi siano state utilizzate appena 35.300 dosi. Dunque milioni di dosi di vaccino inutilizzati, acquistati sembra con contratti-capestro su cui la stessa Corte dei Conti ha chiesto di fare luce. Quanto è costata l’intera operazione e chi ci ha guadagnato?”

Semplici domande, quindi, ma nessuna accusa precisa. Anche se la parlamentare nell’annunciare la sua iniziativa lo sfizio di una frecciatina è riuscita a toglierselo lo stesso. “Voglio sperare – conclude, infatti, Farina Coscioni – che per una volta si contraddica la consolidata prassi di questo governo e dei suoi ministri di non rispondere alle interrogazioni dei parlamentari”.

 

Fonte: ANSA

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: