Farina Coscioni (Ass. Coscioni): “Incrementare i fondi è insufficiente. Servono nuovi Lea”

“Il ministro della Salute Balduzzi comunica che complessivamente sono state destinati circa 35 milioni di euro per le cosiddette malattie rare; sempre il ministro Balduzzi comunica che sono circa 1 milione e mezzo le persone che soffrono di queste patologie. Definire rare malattie di cui soffrono un milione e mezzo di persone è un evidente eufemismo e una contraddizione evidente; ma non è neppure questo il cuore del problema. Il fatto è che si tratta di malattie che richiedono quasi sempre assistenza specialistica continuativa. Dunque, il provvedimento che destina 35 milioni di euro si rivela di scarsa efficacia e di breve durata, se contestualmente non viene emanato dal consiglio dei ministri il decreto che inserisca tali malattie nei Livelli Essenziali di Assistenza. Purtroppo il Ministro Balduzzi si è limitato ad aggiornare i vecchi, obsoleti Lea, ma il decreto non è stato ancora emanato, nonostante fosse stata fissata la data del 31 dicembre 2012 per farlo”.

Così Maria Antonietta Farina Coscioni, deputata radicale e presidente onorario dell’Associazione Luca Coscioni, si inserisce nel dibattito sulla giornata delle malattie rare.

“È l’ulteriore provvedimento disatteso da parte di un Governo che, come i precedenti, ha fatto tante promesse e fornito tante assicurazioni, a cui non hanno fatto seguito provvedimenti concreti. Ed è, evidentemente, anche questo sarà ulteriore banco di prova per chi si candida al governo del paese. Le speranze e le aspettative di milioni di malati e le loro famiglie saranno ancora, nuovamente, frustrate e disattese?”

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: