Dichiarazione farina coscioni su proroga scadenza chiusura OPG

La decisione assunta dal Consiglio dei ministri di prorogare di un altro anno gli Ospedali Psichiatrici Giudiziari è una decisione che lascia l’amaro in bocca. Lascia decisamente l’amaro in bocca constatare che lo Stato italiano non riesce ad assicurare la necessaria assistenza ai 1215 pazienti che risultano, a febbraio di quest’anno, rinchiusi negli Opg. Ma questo é. Da tempo gli operatori del settore ci avvertivano che la decisione della chiusura dei sei OPG nelle attuali condizioni era una sorta di salto nel buio.

Ora la domanda é: si riuscirà a fare in un anno quello che non si é saputo e voluto fare finora? Quello che comunque va scongiurato fin da ora é che la “riforma” si trasformi nell’ennesima mangiatoia (s)partitocratica o in una dolorosa occasione mancata come a suo tempo fu la 180. Sapremo assicurare la necessaria vigilanza perche’ non accada”.

 

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: