CIRCOLARE ANTI-PROFILATTICO: INTERROGAZIONE URGENTE DELLA DEPUTATA RADICALE MARIA ANTONIETTA FARINA COSCIONI

  ROMA 2 DICEMBRE 2011

In relazione all’assurda vicenda di una presunta circolare del ministero della Salute con la quale si chiederebbe alla RAI TV di non far pronunciare ai conduttori e ai giornalisti la parola “profilattico” la deputata radicale Maria Antonietta Farina Coscioni, presidente onoraria dell’Associazione Luca Coscioni ha presentato la seguente interrogazione urgente al ministro della Salute

Nell’interrogazione si chiede di sapere se sia vero che il ministero ha rivolto simile invito a che titolo la funzionaria della TV signora De Pasquale ha ritenuto di accoglierlo e ha inoltrato a redazioni e conduttori una mail tal senso la ragione di tale stravagante iniziativa da parte del Ministero della Salute al quale certamente non compete stabilire o invitare cosa devono dire o non devono dire conduttori e redattori della RAI TV; in caso negativo, come si spieghi che la signora Laura De Pasquale abbia assunto tale iniziativa, attribuendola al ministero della Salute; quali iniziative comunque si intendano promuovere, sollecitare e adottare in ordine a quanto sopra esposto. Segue testo dell’Interrogazione urgente

Al ministro della Salute,

per sapere, premesso che il “Corriere.it” ha pubblicato sul suo sito la notizia “La Rai nel giorno dell’AIDS: non dite «profilattico», a proposito di una presunta mail “interna” che rispecchierebbe la linea del ministero della Salute;

in particolare si riferisce che la parola “profilattico” nell’Italia 2011 sarebbe ancora “un tabù. Almeno lo è in “per la Rai e per il ministero della Salute…Non bisogna pronunciarla nemmeno in occasione della giornata mondiale contro l’Aids…i conduttori e le redazioni dei programmi coinvolti nell’iniziativa hanno ricevuto un’email che lasciava adito a pochi dubbi: «Carissimi, segnalo che nelle ultime ore il ministero ha ribadito che in nessun intervento deve essere nominato esplicitamente il profilattico; bisogna limitarsi al concetto generico di prevenzione nei comportamenti sessuali e alla necessità di sottoporsi al test Hiv in caso di potenziale rischio. Se potete, sottolineate questo concetto»

L’email in questione, “con priorità alta”, sarebbe firmata dalla signora Laura De Pasquale “funzionaria della TV di Stato in rapida ascesa, nonché fidanzata del «cameraman privato» dell’ex presidente del Consiglio Silvio Berlusconi;

per sapere se quanto riferito dal “Corriere.it” corrisponde a verità, e in particolare se su impulso e indicazione del ministero della Salute sia stata diffusa una mail nella quale si invitava non usare la parola “profilattico”;

in caso affermativo, la ragione di tale stravagante iniziativa da parte del Ministero della Salute al quale certamente non compete stabilire o invitare cosa devono dire o non devono dire conduttori e redattori della RAI TV;

in caso negativo, come si spieghi che la signora Laura De Pasquale abbia assunto tale iniziativa, attribuendola al ministero della Salute;

quali iniziative comunque si intendano promuovere, sollecitare e adottare in ordine a quanto sopra esposto.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: